Padre


S’andava d’estate,
col favore del rezzo,
allo scuro verso le rive
che avvistarono i Lidi;
s’impuntava mio padre,
a Erodoto conforme:
dalla terra d’Aracna,
lì scampati radicarono 
a figliare gli Etruschi,
che aggiogarono gl’Umbri.
***

Crebbi e disertai
quei viaggi notturni,
quand’ebbe mio padre
l’episodio d’emottisi.
Crollò la teoria
della migrazione,
le analisi d’ossa
sostennero Dionigi;
in essi non scorse
diafani ricordi d’epopee,
né stinte tradizioni
e li scrisse nativi.

2 commenti su “Padre”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *