recensioni

Microcosmi: Antonio Francesco Perozzi

Per la rubrica Microcosmi, oggi l’EstroVerso ospita la recensione alla raccolta Lo spettro visibile, di Antonio Francesco Perozzi.

“[…] La raccolta si srotola in sei sezioni. Superata la caduta in Catabasi normale (caduta nella vita? Nell’inferno della vita? Nella Morte?), attraverso Dalla sogliaLo stato animaleInquieteUnità rocciose distinte e Chema l’autore si addentra geneticamente nei regni animale, vegetale e minerale, scandagliandone il senso da diverse prospettive.

Quello che ne risulta è un libro avvincente, aggettivo che è desueto nel riferimento a letture di poesia, ma al cui ricorso mi affido per aggiungere merito all’opera.

Il libro ci dona un’esperienza intensa, che cattura, e la sperimentazione linguistica, pur essendo ben visibile, risulta quasi sottesa. Essa, infatti, affiora del tutto soltanto staccandoci dal significato dei componimenti, in quanto l’autore esercita una “delicata violenza” (appunto, applicata con mestiere) alla parola e al senso dell’enunciato, ottenendo un sostanziale equilibrio fra significato e forma del significante. […]”

Continua la lettura qui

Wunderkammer – Nazione Indiana

Wunderkammer (Pietre Vive, 2016) è arrivato fino ai giorni nostri, regalandoci anche la soddisfazione di una ristampa.

Ripropongo la recensione che mi regalò Daniele Ventre su Nazione Indiana:

“Nel paesaggio variegato della produzione poetica attuale si fa notare, dalla sua posizione defilata, l’anomalia formale della raccolta Wunderkammer di Carlo Tosetti, uscita (terza dopo Le stelle intorno ad Halley, 2000, e Mus Norvegicus, 2004) nella scorsa primavera, per i tipi di Pietre Vive Editore. Di anomalia si tratta, o meglio di collazione e collezione di anomalie, sin dal titolo, che fra gli incroci e le inopinate e inopinabili contiguità della biblioteca di Babele, riecheggia, forse per espressa volontà di antifrasi o magari per assimilazione-opposizione semi-conscia, il pur diversissimo Wunderkammer, ovvero come ho imparato a leggere (in Prosa in prosa, Le Lettere, 2009) di Zaffarano, e in modo certo più trasparente e immediato richiama le Wunderkammern di cui è costellato il Rinascimento, regie camere scrigno destinate a contenere oggetti paradossali o rari, e a conservarli secondo logiche e criteri che riflettevano gli interessi scientifici o artistici, le visioni eccentriche e le nevrosi dei loro proprietari e ideatori. […]”

Prosegui la lettura qui

 

Il Transatlantico approda a Larosainpiu

Grazie di cuore a Sebastiano Adernò, che firma una nota di lettura a La teoria del transatlantico con parole che mi scaldano il cuore.
Un particolare ringraziamento a Larosainpiu.org, LIT-TLE blog di Salvatore Sblando. In questo blog ho sempre trovato apprezzamento sincero e gratuito.
Grazie, allora, a Salvatore Sblando, Daìta Martinez, ai quali ora si aggiunge Sebastiano.

“Avete presente Novecento di Barrico? Ebbene il Transatlantico di Tosetti arriverebbe prima anche partendo dopo.”

Leggi qui

 

Microcosmi: Mattia Cattaneo

L’EstroVerso, nella rubrica Microcosmi, pubblica una mia nota di lettura al libro di Mattia Cattaneo: Partiture di pelle.

“[…]Nel creare questo punto d’incontro fra passato e presente (dal quale, inevitabilmente, ne risulta il futuro) seppur contrassegnato da un’atmosfera malinconica, talvolta da una tristezza non celata, Cattaneo mai ricorre a immagini esplicite, realistiche, fotogrammi che avrebbero favorito l’autore nella descrizione del dolore patito (e portato) e derivante dalla perdita, o nel racconto del ricordo, ma avrebbero condotto la silloge verso un realismo opposto a quanto l’autore ci dona in lettura.
Le poesie di Mattia germogliano in un ambiente (che possiamo definire anche “territorio”) popolato da precisi elementi, riaffioramenti dell’infanzia, ricordi ai quali il poeta riesce a sfilare lo sfondo della mera quotidianità, da cui però provengono, ed è tale processo di isolamento che determina, appunto, l’elevamento (o, se preferite, la traslazione) al mondo simbolico, dell’opera intera.[…]”.

Continua la lettura

La teoria del transatlantico su Poeti del Parco

Poeti del Parco pubblica una recensione de La teoria del transatlantico (Cofine, 2022), a firma Maria Gabriella Canfarelli.
Grazie di cuore!

“[…] Nitido ed elegante, il flusso regolare delle strofe, la raffinata tenuta metrica di sestine (di cui la terza e la quarta in rima baciata) magnifica la possanza, l’onnipotenza che non tiene conto dell’accidente, dell’imprevisto sorgente in forma di iceberg, emersa isola neonata/ (…) /assente dalla mappa. Ciò che affonda/alfine un transatlantico è la storia.  Lo scarto tra teoria e realtà sta nella incognita d’ogni destino, tra aspettative e desideri che possono spezzarsi da un momento all’altro, intanto che noi si affronti ostinati/le immense procelle, i rischi dei mari; intanto che la poetica narrazione rigorosa e sobria di Carlo Tosetti rende palese il pensiero di un equipaggio intero […]”

Continua la lettura

 

Microcosmi: Camilla Ziglia

Oggi, Microcosmi (rubrica da me curata ne L’EstroVerso), pubblica una recensione del libro Rivelazioni d’acqua di Camilla Ziglia (Puntoacapo Editrice, 2021), recensione a firma di Annalisa Rodeghiero.

Grazie di cuore!

“È all’acqua che Camilla Ziglia sceglie di affidare le sue rivelazioni sull’esistere, all’acqua intesa come elemento naturale primigenio ma anche come ambiente naturale d’elezione cui consegnare l’anima per lasciarla andare al fondo e poi elevarla al cielo. È il lago il luogo in cui Camilla, con grazia, invita il lettore a entrare: «Stai qui, senti/ – ti piace? –/ è il mio giardino/ sulla sponda del lago». Sulla sponda, in limine dunque, sulla soglia tanto cara ai poeti dove si percepisce intera la verticalità bidirezionale dello sguardo: l’infinito tumultuoso sotto la superficie, «ventre nero del lago» e sopra, l’infinito cielo «sull’altissimo universo». Il velo d’ordine apparente è lo specchio orizzontale del lago («In superficie la calma/ delle cose compiute») quella terra di mezzo tra terrestre sommerso e celeste riflesso, tra le cose dicibili e quelle intraducibili:

La zona tra due onde
come una molla carica
conserva immobile
la verità dell’acqua

[…]”

Continua a leggere

Il transatlantico approda a Dinanimismo

Il blog Dinanimismo pubblica una breve selezione di testi da La teoria del Transatlantico ed un commento (devo dire lusinghiero).

Che dire…

Grazie di cuore!

Leggi qui

Zebù bambino di Davide Cortese

Accende mille fiammiferi nella notte
Si brucia il ciuffo e le scarpe rotte.
Brucia un nome scritto su una nave.
Brucia la porta per far cadere la chiave.

È un libro coraggioso, quello di Davide Cortese (Zebù bambino, Terra d’ulivi edizioni, 2021) e coraggioso è l’editore che ha dato alle stampe una sintetica opera (21 poesie brevi), decisamente distante dalla poesia circolante e imperante.

Coraggiosa è la forma poetica: sono componimenti molto brevi, filastrocche, nelle quali spesso (ma non sempre) l’autore fa ricorso a rima baciata o alternata, conferendo giocosità al testo, giocosità che si respira a monte del verso, per il tema trattato.
Zebù (il piccolo diavolo), il Bel-zebù, infatti, se da un lato non nasconde la sua natura e la sua contrapposizione a Dio, dall’altro, data la tenera età, compie le sue innocenti malefatte con un candore che non attiene al male, bensì a qualsiasi bambino, o bestia che attenda la maturità per esplicitare il suo carattere ferino.
Se il termine candore può apparire un ossimoro, accostato a Zebù, ne voglio sottolineare la vicinanza al Candide di Voltaire.
Nel libro di Cortese, infatti, il piccolo Zebù non è oggetto di alcun rimbrotto da parte di un maligno “adulto” e, addirittura, i suoi innocenti svaghi hanno come vittima anche la Vergine e financo Dio; proprio la mancanza di una forza educatrice, o, in questo caso, plasmatrice sulla via del male, mi ricorda Candide.
Sono certo che, se Zebù venisse rimproverato o punito, non ne comprenderebbe la ragion sufficiente.
È un tale selvatico, Zebù, che i gesti narrati sgorgano puri, incontaminati come acqua di fonte, o forse come lava d’un neonato vulcano, e tale condizione di libertà sovrannaturale non può includere lo sviluppo di un super-io, impossibile data l’assenza di un’autorità genitoriale.

Eppure, lo sappiamo, declinando le vicende di Zebù nel mondo terreno, è proprio l’adulto, l’autorità, il modello da cui il bimbo apprende il male fine a sé stesso.
Questa autorità è presente nella crescita del suo coevo Gesù (così è presentato nel libro) le cui intemperanze ne prevedono l’intervento (descritto nei testi apocrifi) e che, forse, benché a risultati alterni, hanno contribuito a rifinire il carattere del Salvatore.
Quando Gesù bambino creò dal fango vivi uccellini, e il figlio dello scriba Anna cercò di eliminare le pozze d’acqua approntate da Gesù per l’impastare, la reazione del giovane figlio di Dio fu fulminante (il Vangelo dell’infanzia di Tommaso, da III, 2): (altro…)

Microcosmi: Valeria Bianchi Mian

Oggi L’Estroverso, nella nascente rubrica Microcosmi, pubblica la mia lettura al libro di Valeria Bianchi Mian, un libro molto particolare, dal titolo Vit[amor]te.
Grazie di cuore alla cara Grazia Calanna.

“[…] La silloge raccoglie poesie giovanili a altre scritte fra il 2014 ed il 2019, e, per tale ragione, l’opera si presenta in forma eterogenea, a cavallo fra la filastrocca (ma con suoni duri) e pure visioni che pescano a piene mani dalla tradizione esoterica, alternando sia un verso breve, brevissimo, che più dilatato e mantenendo sempre coerenza stilistica.
Una peculiarità della poetica espressa è la presenza di elementi di modernità, che scorrono agevolmente nell’alveo dell’antico.
Tuttavia, dedicarsi ad una lettura della pura sostanza poetica e puntare l’obbiettivo unicamente sulla forma, sarebbe decisamente fuorviante; ci porterebbe ad abbandonare il sentiero proposto dal libro.
I puristi della forma possono trovare nella storia opere esoteriche in rigoroso metro. Cito, per evitare l’inflazionato Nostradamus, i Sonetti Alchemici di Francesco Maria Serpilli (libro dato alla stampa da Edizioni Mediterranee Roma), noto in ambiente alchemico quale autore della Lux Obnubilata. […]”

Continua le lettura ne L’estroVerso

La crepa madre su Menabò

Un grazie di cuore a Menabò, che pubblica una recensione de La crepa madre, a firma di Emanuela Dalla Libera.

“Ci sono ricordi che ci restano intrappolati dentro con la forza di un sortilegio, specie se si accompagnano, nella memoria del tempo vissuto, a eventi in cui crediamo di poter leggere qualcosa di affine, qualcosa che accomuni la nostra esperienza individuale a fenomeni più grandi che coinvolgono una comunità, o la fisiologia stessa della natura e del mondo. E il ricordo diventa epos, narrazione che si snoda in un susseguirsi di fatti accidentali o pazientemente osservati nel tempo, ugualmente devastanti, ugualmente bisognosi di un intervento drastico e risolutore. […]”.

www.menaboonline.it