La larva

A rigor di stagione,
sereno il frutto matura
e con esso s’ingrassa la larva,
che pasciuta caria la mela.

L’uomo all’alba raccoglie,
industrioso si spacca la schiena,
ma ch’è guasta purtroppo
s’accorge soltanto la sera.

Share

4 pensieri

  1. Per te la grande stagione del Barocco non è passata invano.

    Rispondi

  2. (e che tu ne sia ben consapevole, testimonia la scelta iconografica).

    Rispondi

  3. Fa piacere sapere che la storia può lasciare dei segni positivi… Ciao!

    Rispondi

  4. E attorno — a mucchio, a ressa, a gomitate
    — imbonitori anonimi al Cerotto Bertelli

    Rispondi

Rispondi