Itaca

Con ansia s’attendeva il lunedì
– la vita ci sballotta fra gli opposti,
  dopo i mesi a pensarlo con rancore –
e noi si risaliva con languore
annusando la stradina quell’effluvio
che promana dal fuoco il kokoretsi.
Graziosa la ragazza – “la grechina”-
faceva contrappeso a quella rude
donnona da parole secche, rare,
portandoci rinfresco col retsina.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *