A Bettina

Il Maestro, Bettina,
perì di mozzarella,
non di piada o tortellino,
troppo dura s’incagliò 
nel gozzo e lui sfiatò 
nella babilonia della Roma 
d’ogni tempo e nei lugubri scuri
mari romagnoli e di Venezia.
Hai gettato l’ancora, Bettina, 
sopra uno scoglio 
sicuro di casera.

Share

Un commento su “A Bettina”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *