L’Acrida


Vidi a Mestre l’Acrida;
nemmai ho concepito 
il suo zillare secco e bruno 
come il platano, finché 
la tempesta prese il tronco
frantumando lentezze secolari,

la gettò sopra un balcone.
Io fumavo al quinto piano.
 
Share

Rispondi