Recensione a firma Giuseppe Martella

Essere oggetto d’interesse da parte del Prof. Giuseppe Martella è una sorta di promozione, un buon voto che rinfranca l’animo e dona energie.
L’EstroVerso (Grazia Calanna) ospita una sua recensione (dotta, articolata, lusinghiera) de La crepa madre, e io non posso che essere semplicemente contento.

Grazie di cuore al Prof. Martella e a L’EstroVerso.

“[…] Per l’opera di Tosetti si è fatto anche il nome di Tommaso Landolfi, i paradossali punti di vista, il perverso sviluppo degli intrecci, l’esibita ricercatezza del linguaggio dei suoi Racconti impossibili.  Ma a me pare più congeniale il raffronto  con quei narratori siciliani che fra Otto e Novecento anno inferto una torsione, da una parte mitica e dall’altra gotico-barocca, al romanzo storico-cronachistico inaugurato dal Manzoni. A partire dal “verismo” di Verga ne I vespri siciliani per esempio, passando al prospettivismo di Pirandello ne I vecchi e i giovani  e alla pacata satira sociale di Lampedusa ne Il gattopardo, per arrivare all’ipnotico barocco metafisico di Gesualdo Bufalino ne La diceria dell’untore e ne Le menzogne della notte, o a quello più stralunato e favoloso di Vincenzo Consolo ne Il sorriso dell’ignoto marinaio che prende spunto da una sommossa contadina che si scatena in un piccolo paese (Alcara li Fusi) all’arrivo delle truppe di Garibaldi, per arrivare a interrogarsi sugli eventi cruciali della storia italiana, sulla posizione dell’intellettuale dinanzi ad essi e addirittura sulle possibilità della scrittura letteraria. Il “sorriso dell’ignoto marinaio” di Antonello da Messina a me pare infatti aleggiare sul volto e permeare di pacata ironia le pagine di Carlo Tosetti. […]”

Continua a leggere su L’EstroVerso

Un articolo comparativo

Il caro Antonio Francesco Perozzi inaugura una sezione del suo blog personale (sezione dal nome Krino) con un articolo comparativo relativo ai miei due libri Wunderkammer (Pietre vive, 2016) e La crepa madre (Pietre vive, 2020).
Che dire, ne sono onorato.
Grazie di cuore.

“Gli ultimi due libri di Carlo Tosetti, Wunderkammer e La crepa madre (usciti, rispettivamente, nel 2016 e nel 2020, entrambi con Pietre Vive) sono etologicamente uguali e teleologicamente opposti.

Non parlo di resa stilistica o impostazione del discorso, ma più sotterraneamente di ratio poetica […]”.

Continua la lettura su antoniofrancescoperozzi.wordpress.com

La morte per acqua

Il blog La morte per acqua (il cui nome, tratto da La terra desolata di Eliot, è già di per sé una garanzia) ospita delle poesie da La crepa madre e un breve commento.
Grazie di cuore a Antonio Francesco Perozzi.

“La poesia di Tosetti si distingue per la sua natura “antiquaria”, concretizzata in una quadruplice attività di recupero: quella strutturale (la scansione strofica tripartita e regolare, che richiama per ordine e pulizia forse gli antichi capitoli in terzina, pur distinguendosene dal punto di vista metrico), quella – appunto – metrica (settenari e ottonari, che danno al testo un andamento ben cadenzato), quella lessicale (diversi preziosismi, come «vezzosa», «aneliti», «cagione»…), quella sintattica (un costante ricorso all’anastrofe, come in «infante svago», «aneliti finali», «macabra raccolta»…). […]”

Continua la lettura su La morte per acqua