Ul demoni

Lur cantaven
i soeu Rosarii
e i Requiescanti,
arent i mort,
cunt un latino
tutt pastrugnà.
Inscì scampaven
anca cent agn,
perché ul Signur
cugnuss tusscoss,
ma el capiss no
quel gibilé
e ul soeu incuntrari,
che l’è ul demoni,
el golza no
de faa casott;
el sacramenta
cunt ul prevost,
che l’ha studià
e l’è bel ciciott.

Traduzione:

Cantavano
i loro Rosari
e i Resquiescant,
vicino ai morti,
con un latino
tutto pasticciato.
Così scampavano
anche cent’anni,
perché il Signore
conosce tutto,
ma non capisce
quella confusione
e il suo contrario,
che è il demonio,
non osa
fare casino;
bestemmia
con il parroco,
che ha studiato
ed è bello grasso.

Share