La miglior controllora possibile

Questa mattina il treno FS (non importa che linea, sono tutte uguali) ad una stazione si è fermato un po’ “lungo”, quindi 3 carrozze erano oltre la banchina.
Molte persone, allora, hanno dovuto risalire la banchina per raggiungere il convoglio e salire. Ad un tratto, la controllora si è alterata, urlando ai passeggeri di salire, di non perdere tempo, di non indugiare, altrimenti non ci saremmo più mossi.
Il solito paladino della giustizia, quindi, è intervenuto, ammonendo la controllora, non si dà del cretino alle persone quando il treno si ferma lungo ed è sempre in ritardo, insomma che modi, scrivo alla direzione, eccetera, per descriverla brevemente “alla Saramago”.
La controllora, sicuramente illuminata da un dio minore ma competente, ha accennato a rispondere: “Ma lei vuole sapere perché i treni sono sempre in ritardo?”, alludendo al fatto che lo siano per via della lentezza nella salita e nella discesa alle varie soste.
A quel punto, tutti hanno seguito il paladino della giustizia, inveendo contro la controllora, che si è allontanata mestamente.
E… boh, ho pensato che allora nei paesi in cui i treni sono puntuali le persone si muovono alla velocità della luce, sono particelle che si ricompongono sedute sul treno. Non c’è altro motivo.

Share