A petto nudo

Mio padre è, da sempre, un gran consumatore di film western e di guerra.
Da decenni, allora, lo vedo illuminato dalle luci pulsanti della televisione. Ora blu, ora arancione, ora giallastro e rosso, egli è ipnotizzato da spari, esplosioni, urla, imprecazioni e gemiti di morenti.
Forse per questa sua passione, da piccolo, intuii quanto dovesse essere molto più atroce e doloroso ricevere una o più pallottole in pieno petto nudo, piuttosto che ben coperti e riparati almeno da una t-shirt in cotone.
Questo tarlo senza una logica terrestre, negli anni, s’è ben guardato dal bucare il mio cranio, dall’uscire all’aria aperta; non m’ha mai abbandonato.
Ancora oggi, all’improvviso, nei momenti più disparati, m’assale il pensiero di beccarmi una pallottola, che so… in un polmone, anche solo in una spalla, ma rigorosamente a petto nudo.
Oggi m’è capitato mentre facevo colazione.  M’hanno preso… penso il fegato.
Allora ho pensato che – senza alcun dubbio – deve esistere un legame fra il punto che immagino venga colpito ed il mio stato d’animo.
Banalmente: non digerisco una situazione, mi sparano allo stomaco. Mi sento amareggiato: pam! Mi beccano la cistifellea. 
Poi, fortunatamente, mi sono reso conto che una giornata, con questo preludio, non potrebbe che sfociare in un dramma insopportabile, quindi ho cercato di concentrarmi sui biscotti.  

Share