…E perché non Via Famiglia Craxi?

Quando non venne concessa l’autorizzazione a procedere nei confronti di Bettino Craxi, quasi tutta l’Italia si indignò. Una radio nazionale ci invitò ad inviare al Parlamento un lapidario telegramma: “vergogna!”. Giorni dopo i mittenti ricevettero una lettera firmata da Gerardo Bianco, nella quale si esprimeva a chiare lettere un esplicito “nulla” a commento ed a giustificazione di quella scelta inaudita.
La forma di quella lettera mi colpì tal punto che, da anni, cerco di comporre un testo palindromo in politichese. L’obbiettivo è quello di scrivere un discorso adatto a qualsiasi occasione, senza dover variare una virgola (non avendo significato, ma soltanto la forma che potrebbe esprimere un pensiero, dovrebbe suscitare l’intuizione di un senso che non c’è: un capolavoro!).
La virtù aggiunta, è palindromo, lo ricordo, permetterebbe di leggere il discorso partendo dal capo o dalla coda, leggendo esattamente le stesse parole.
Un progetto ambizioso e, lo ammetto, forse pretenzioso per un umilissimo illetterato come il sottoscritto. Dispiace che il mio intento non abbia ancora trovato compimento, perché potrebbe rappresentare (per certi aspetti) la fine dialettica della politica, se ben pubblicizzato e diffuso.
In questi giorni di polemica per la proposta di intitolare una Via di Milano a Craxi, per esempio, sarebbe fantastico commentare col mio “antidiscorso” politico.
I temi in ballo non sono da poco e, benché sia il solito trucco “panem et circenses”, benché sia appunto sprovvisto della mia arma dialettica, non trovo eticamente corretta l’astensione dal dibattito; ergo faccio la mia proposta, ma in italiano corrente:
Craxi ci ha lasciato sicuramente due pessime eredità: i figli. I due figli sono brutti e dannatamente antipatici.
Sono acidi e incazzati col mondo, mantengono sempre un’aura di severità e autorevolezza che non è supportata dal loro stesso ruolo. …Insomma, due leggeri incubi sociali…
I figli di Bettino si sono divisi politicamente, il che potrebbe avere un sapore romantico, ma non è così; i due sono sconditi, nessuna emozione viene risvegliata in me dai loro musi lunghi. Le loro scelte politiche divergenti, ecco l’unico punto a loro favore, ci insegnano che le categorie di “buoni” e “cattivi” sono contaminate esse stesse da infiltrati della categoria opposta. I buoni nei cattivi e viceversa, a cascata e senza sosta, fino a contare nei due insiemi iniziali un egual numero di buoni e cattivi. Questo dovrebbe permettere una lettura più coscienziosa e matura di tutti gli eventi storici. E’ l’obbiettivo comune che si affaccia alla storia, non certo le vicende individuali; ecco perché i Craxi – a mio avviso – sono colpevoli a priori. Anche volendo far bene, generano confusione e dubbi. Che siano buoni o cattivi, nel gruppo degli uni o degli altri.
Ciò detto, però, propongo di intitolare la Via di Milano alla Famiglia Craxi intera. So bene che non è possibile, ma sarebbe interessante.
In questo modo potremmo riabilitarli tutti, anche chi di loro non ha subito condanne; la riabilitazione agli occhi della storia (individuale e collettiva), spesso è seguita dall’oblio del riabilitato. Risolti i conflitti interiori dei nostri amici politici, col rilassamento dei loro intestini, potremmo, spero, dimenticare anche i due figli Craxi, prima di doverceli ricordare dopo una futura , eventuale, condanna. Sarebbero dimenticati ad honorem, vivaddio.

2 commenti su “…E perché non Via Famiglia Craxi?”

  1. devo ammettere che la tua analisi non fa una piega.
    devo anche ammettere che sono rimasto un poco deluso dal finale: leggendo il titolo del post originale speravo che avresti terminato con "e perchè non via la famiglia craxi?"
    inteso come fuori dai coglioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *