Ardore

E’ relativo contare i gradini
della Moschea del Re Vivente;
lo sono anche il gusto piccante,
l’appartenenza ed il prezzo
di un vecchio montone.
Relativo è l’aspetto
gordiano di un nodo,
come lo è l’odore del sale,
oppure il mio ardore
ed il buio rispetto al suo luogo.

Buon Qualcosa a Qualcuno

http://www.youtube.com/v/423ZLhcTs1o&hl=it_IT&fs=1&

Quando San Francesco De Gregori era ancora in sé scrisse questa canzone; ora è caduto nell’autocensura culturale, come altri poeti della sua generazione. Oppure si sentono sconfitti? Non hanno più nulla da dire? Va tutto bene?
San Francesco è anche molto caustico (alcuni dicono “stronzo”); quanto vorrei che leggesse, per poi insultarmi; sarebbe un segno di “esistenza in vita”. Tutto sembra perduto. L’ignoranza dilaga e con essa la crudeltà, il razzismo, il qualunquismo. Tutti si occupano della scorza, nessuno assapora la polpa. La politica è da una parte volgarissima e dall’altra sterile. E… appunto…San Francesco va a X-Factor. Fortunatamente Battiato ha dichiarato che non ci andrebbe neppure dietro “invito” dei carabinieri.
Parafrasando Moretti: “Ve lo meritate Marco Castoldi!”. ….E chi è?! E’ primadonnadivastar Morgan.
Un mio saggio conoscente disse: “Se sei la Loren, mostrami le tette!”…
Almeno questa è passata, per quest’anno. 
Comunque… Per chi ha bisogno di auguri, questi sono i miei.
Si, sono agrodolci.

Continua a leggere Buon Qualcosa a Qualcuno

Le formiche volanti

Nell’hotel governativo di Rangat l’aria era ferma e appiccicosa. Sembrava di attraversare camminando dell’olio vaporizzato; una sostanza oleosa e densa aderiva alla pelle lasciandoci preda di una pellicola soffocante.
 
La spoglia scrivania della reception era minacciata da gigantesche pale, che roteavano lentamente accompagnate da un cigolio d’attriti cronici, il che non avvalorava la mia teoria dell’atmosfera unta.
L’uomo ad accoglierci pareva un alieno rispetto agli altri locali: un indocinese, qualcosa del genere, i cui lineamenti erano stranieri in terra straniera. Questo ci univa. 
Spesso suonava il telefono e purtroppo non comprendevo la lingua: mi incuriosiva sapere i contenuti delle telefonate; l’hotel era semivuoto. Forse erano tentativi di prenotazione, ai quali veniva negato questo privilegio: soggiornare all’Hotel governativo.

Continua a leggere Le formiche volanti

Errare è umano

Un centro commerciale noto nella mia zona ha come simbolo un elefante.
Ricordo che, anni fa, in quel formicaio inoperoso, mi soffermai davanti alla vetrina di un negozio che aveva gettato la spugna. Le vetrine erano oscurate dall’interno con una carta di un giallo iper-diafano, la cui “giallità”, che sfuggiva ai sensi, non poteva che venirmi suggerita platonicamente.

Continua a leggere Errare è umano